Dormire in un Castello

San Valentino si avvicina e, per gli innamorati, quale migliore scusa per fare cose fuori dal normale?
Come dormire in un Castello, ad esempio.

Io l’ho fatto (anche se non a San Valentino), e vi posso assicurare che ne vale la pena. Ci si sente viziati e coccolati come dei veri nobili.
Vi parlo del Castello Chiola, in Abruzzo, in un piccolo paese chiamato Loreto Aprutino. 

409256_2901620260989_715189128_n

Questo Castello ha due cose particolari: il Balcone d’Abruzzo, un terrazzo così chiamato perchè da qui sopra è possibile raccogliere in uno sguardo tutta la regione, a partire dal Gran Sasso.

406732_2901640421493_318923118_n

La seconda cosa è una storia, una storia di fantasmi: sembra infatti che il Castello sia felicemente occupato dal fantasma della bella Sharan, una ragazza creola che agli inizi del settecento si gettò dal terzo piano per sfuggire alle voglie del conte Silveri, che era stata costretta a sposare.
Ci credete? E’ un motivo in più per andarci, un po’ di brivido!

Quando sono stata io ho avuto la fortuna di essere l’unica cliente, a Dicembre, quindi abbiamo avuto modo di scoprire il castello senza problemi, oltre ad avere a nostra completa disposizione il personale, anche nel ristorante.

380085_2901611260764_1912050557_n

Le camere: Le suite sono da favola. Al terzo piano, una con letto a baldacchino (quella in cui abbiamo alloggiato), e una con letto normale, in stile un po’ più romantico… ma il letto a baldacchino non capita sempre di trovarlo, se si ha la possibilità di scegliere, conviene approfittarne!

La suite è una stanza davvero grande, arredata nei toni del blu e del legno. Tendine bianche sul letto a baldacchino e alle finestre, un bagno completamente in marmo, con una grande vasca in cui fare un rilassante bagno caldo (così grande che lo si può fare anche in due!).
Il pavimento è coperto dalla moquette blu, le pareti sono chiare, e nell’ingresso un piccolo tavolino su cui viene servita la colazione in camera al mattino.

384428_2901619100960_1243157362_n copy

La corte: qui, proprio come un tempo, è la zona adibita al rilassamento prima della cena. Infatti vi viene di solito servito l’aperitivo, a volte accompagnati dalla musica del pianoforte. E’ al chiuso, anche se enormi finestroni fanno entrare tutta la luce necessaria,  così che si possa utilizzare anche nei giorni di pioggia. Tutto l’arredamento ricorda proprio quello di un vero castello, compreso il grande camino alla parete.

381407_2901629261214_1965223177_n

Il Ristorante: si trova in una vera e propria taverna, sotto arcate di mattoni, dove tavoli tondi coperti da linde tovaglie bianche sfoggiano un elegante apparecchiatura.
Il menù è un bell’incrocio tra nouvelle cuisine e tradizione. Noi abbiamo provato: entrée di ricotta e finocchi all’aceto balsamico, risotto alle mele e PortoLombata al burro del Maitre, tortino di cioccolato fondente all’arancia.
Tutto davvero ottimo, ben presentato, dal sapore nuovo e intenso.

400790_2901632301290_1186165302_n             385543_2901634621348_290483328_n

Dove altro passare una notte speciale se non in un Castello?

 

Lucia Parpaglioni
Wedding&Travel Staff

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...